datididatticamisure in tempo realemodellinotizie   Home
 

Scheda modello

FLD

(1993)

La procedura FLD è costituita da un programma principale che risolve, in regime permanente o transitorio, l'equazione del moto idraulico in un continuo poroso piano e da alcuni programmi complementari per la gestione dei dati di ingresso e dei risultati. Essa è utilizzabile per la simulazione di una falda acquifera in presenza di vincoli piezometrici, anche dinamici, posti da corpi d'acqua superficiali (cui la falda può essere agganciata) e da confini planimetrici dell'acquifero. Gli apporti (variabili nel tempo) delle precipitazioni meteoriche e degli afflussi laterali uniti alle portate di emungimento (o ravvenamento) variamente distribuite nel tempo e nel corpo dell'acquifero, determinano, passo dopo passo, le configurazioni della superficie piezometrica calcolate dal programma principale. Questo determina le portate scambiate con i corpi d'acqua superficiali e la distribuzione dei flussi sotterranei. Postprocessori grafici forniscono le mappature della piezometria e dei flussi sovrapposte alla planimetria del sito.
La discretizzazione del continuo è operata con le differenze finite e la integrazione nel tempo della equazione fondamentale è effettuata con Runge-Kutta. FLD può essere agganciata ad un GIS a sua volta collegato ad un sistema di monitoraggio: ciò consente, partendo da configurazioni "rilevate" di una falda, di valutare preventivamente l'evoluzione della dinamica di questa. Tale aspetto appare importante per l'analisi dei fenomeni di trasporto di eventuali contaminanti rilevati dal sistema di monitoraggio. Applicazioni significative basate sull'uso della procedura FLD sono state sviluppate presso ACNA, ENICHEM POLIMERI, SNAMPROGETTI, AGENSUD e, ultimamente, presso il Comune di Latina nell'ambito di uno studio condotto dal gruppo italiano "Siti contaminati" di ENEA-UNICHIM. E' prossima una versione Windows di FLD.

Dati in ingresso:

  • Afflussi laterali (e loro leggi temporali);
  • Precipitazioni meteoriche (e loro leggi temporali);
  • Portate di prelievo o di ravvenamento (e loro leggi temporali);
  • Distribuzione e configurazione planimetrica dei diaframmi impermeabili;
  • Configurazione piezometrica al tempo t = 0;
  • Leggi di variazione (nel tempo) delle quote topografiche dei peli liberi delle acque superficiali agganciate alla falda.

Dati in uscita:

  • Superficie piezometrica in corrispondenza di intervalli prefissati di tempo simulato;
  • Distribuzione dei flussi in corrispondenza di intervalli prefissati di tempo simulato;
  • Andamento nel tempo degli scambi con i sistemi di acque di superficie.

Parole chiave: Acqua, Acque sotterranee, Modellistica, Monitoraggio, Dinamica inquinanti

 

Distributore

Ingegneri Speranza s.r.l.
Corso Trento e Trieste, 52
63100 - Ascoli Piceno
tel. 0736/253573 - fax 0736/255500
persona di riferimento Ing. Corrado Speranza

 

Autori

Ing. Corrado Speranza
Ingegneri Speranza s.r.l.
Corso Trento e Trieste 52, 63100 - Ascoli Piceno

 

 

Estratto dal CD-ROM "Software&Ambiente" distribuito dalla Fondazione Lombardia per l'Ambiente, Foro Bonaparte, 12. 20121 Milano - www.flanet.org