datididatticamisure in tempo realemodellinotizie   Home
 

Scheda modello

ROTOMAP - Analisi statistica del rotolamento massi

(ver. 2.0 - 1996)

ROTOMAP è nato per l'analisi dei pendii in cui possono verificarsi problemi di distacco in quota e successivo rotolamento a valle di blocchi di roccia, nonché per la progettazione delle opere di protezione. La soluzione adottata dal programma consiste nell'uso di un approccio di tipo statistico che consente di determinare le "aree di probabilità" di arresto dei blocchi, la distribuzione delle energie cinetiche e, sia pure a livello probabilistico, il "tempo di ritorno" di un impatto su di un'area data. Particolare importanza riveste la fase di ricostruzione del modello numerico del pendio, che potrà essere calcolato a partire da un seminato di punti trasformato dal programma in una griglia regolare, o meglio attraverso la lettura diretta dei valori delle quote in corrispondenza dei nodi della griglia a maglie quadrate che verrà utilizzata nel modello.
Tramite accurati rilievi geologici e geomorfologici e ad una fase di back analysis, si determinano i parametri geomeccanici che consentono di ottenere percorsi tali da far coincidere la distribuzione di frequenza simulata con quella deducibile dalla posizione di arrivo della serie storica di scendimenti reali. Vengono quindi calcolate le curve di isofrequenza dei punti di arrivo, le curve isoenergetiche ricavate dall'elaborazione dei livelli di energia specifica media e massima, ed il percorso di scendimento dei blocchi, che possono essere stampati in sovrapposizione alla rappresentazione della topografia. Inserendo reti o valli paramassi possono essere effettuate analisi dedicate alla definizione dell'intervento di protezione al fine di determinare quello che offre il miglior rapporto tra la protezione offerta ed il costo; in questa fase risulta molto utile la possibilità di visualizzare e stampare le sezioni degli scendimenti più significativi.

Dati in ingresso: L'interfaccia utente, pensata per essere facile e potente, lavora con menu a tendina disposti secondo criteri ergonomici che rispettano l'ordine logico delle operazioni da eseguire. I dati vengono normalmente introdotti in tabelle ove possibile preconfigurate, ad eccezione dei dati geologico-territoriali (ad es. parametri geomeccanici della roccia) per i quali è previsto l'uso di un editor grafico che consente di lavorare direttamente sulla griglia.
Tutte le procedure per l'inserimento dei dati, così come tutti i comandi presenti nel programma, sono ampiamente illustrate negli Help on Line richiamabili in qualunque momento nonché nel manuale d'uso, nel quale sono inoltre riportati alcuni semplici esempi facilmente realizzabili che permettono di prendere confidenza con il software.

Dati in uscita: L'anteprima di stampa degli output grafici viene effettuata all'interno di una apposita finestra in cui è possibile zoomare il grafico, configurare il dispositivo di stampa, effettuare le stampe, utilizzando un qualunque dispositivo supportato da Windows, od ancora esportare l'output in formato DXF. È prevista la stampa di diversi elaborati che potranno essere stampati singolarmente o fra loro sovrapposti: le curve di isofrequenza dei punti di arrivo, le curve isoenergetiche, il percorso di scendimento dei blocchi e le sezioni degli scendimenti più significativi. In fase di stampa è possibile decidere il passo delle curve di livello e la loro qualità grafica, l'inserimento di vettori orientati, l'inibizione della rappresentazione di determinati intervalli di valori od anche di alcune zone della griglia calcolata.

Parole chiave: Suolo, Geologia, Geotecnica, Geomeccanica, Modellistica, Roccia, Stabilità

 

Distributore

P.A.S.I. srl
Via Goito 8
10125 - TORINO
tel. 011/6507033 - fax 011/658646
e-mail pasi@inrete.alpcom.it
persona di riferimento Sig. Davide Del Carlo

 

Autori

Ing. G. Scioldo et al.
Geo Soft di Ing. G. Scioldo
C.so G. Matteotti 12, 10121 - TORINO Internet: http://130.192.6.145/geo+soft

 

 

Estratto dal CD-ROM "Software&Ambiente" distribuito dalla Fondazione Lombardia per l'Ambiente, Foro Bonaparte, 12. 20121 Milano - www.flanet.org