datididatticamisure in tempo realemodellinotizie   Home
 

Scheda modello

SAFE-AIR

(ver. 1.1 - 1996)

SAFE-AIR è una evoluzione del codice AVACTA II, codice "recommended" dall'U.S. EPA e riconosciuto dall'Istituto Superiore di Sanità Italiano. SAFE-AIR, adottato ufficialmente dalla Regione Liguria, è composto da due parti principali: la prima parte, WINDS (Wind-field Interpolation by Non Divergent Schemes), è un preprocessore meteorologico per la simulazione del campo di vento; la seconda parte, P6 (Program Plotting Paths of Pollutant Puffs and Plumes) simula la dispersione atmosferica degli inquinanti.
Il preprocessore meteorologico WINDS calcola il campo di vento tridimensionale necessario alla successiva descrizione del trasporto dei pennacchi di inquinante. WINDS è un modello "mass-consistent" sviluppato presso il Dipartimento di Fisica dell'Università di Genova; il modello deriva dall'evoluzione dei codici NOABL e AIOLOS. P6 è un modello derivato dalla parte dispersiva del codice AVACTA II. P6 è basato sull'utilizzo della formula gaussiana, ma permette, rispetto a quest'ultima, una più accurata simulazione numerica della dispersione in condizioni sia non stazionarie sia non omogenee.
L'inquinante emesso è suddiviso in una sequenza di "elementi", che possono essere sia segmenti di pennacchio sia puffs; tali elementi sono connessi tra loro, ma la loro dinamica è funzione delle condizioni meteorologiche locali. Poiché i parametri meteorologici variano sia nel tempo che nello spazio, ogni elemento evolve in accordo con le condizioni incontrate lungo la propria traiettoria. SAFE-AIR è strutturato per simulare principalmente l'impatto sulla qualità dell'aria causato da emissioni puntiformi. Tuttavia, a causa della sua capacità di trattare sorgenti con sigma iniziali assegnate, questo codice può anche simulare correttamente sorgenti areali e di volume. SAFE-AIR è in grado di simulare le trasformazioni chimiche a due specie, la deposizione (secca e umida) e la ricaduta gravitazionale.

Dati in ingresso: Caratteristiche del dominio computazionale (numero e dimensioni delle celle), orografia, rugosità, classe di stabilità atmosferica, condizioni iniziali di vento (alternativamente: vento geostrofico e/o misure al suolo, profili osservati da torri meteorologiche o SODAR, profili provenienti da LAM), numero e caratteristiche delle sorgenti (posizione, portata in massa dell'inquinante, temperatura dell'effluente, diametro e/o portata complessiva in volume e/o velocità di emssione), posizione dei recettori, tipo di funzione sigma, tipo di formula per la simulazione dell'innalzamento del pennacchio, tipo di modalità di riflessione dell'inquinante, altezza di mescolamento, temperatura ambiente.
Facoltativamente: velocità di deposizione secca, percentuale oraria di trasformazione chimica, rapporto di dilavamento, entità della precipitazione, spessore dello strato di precipitazione, velocità di sedimentazione.

Dati in uscita: Campo tridimensionale di vento, entità dell'innalzamneto del pennacchio, statistiche delle serie temporali delle concentrazioni simulate (concentrazioni medie e primo e secondo massimo di concentrazione su 1, 3, 8 e 24 ore), campi di concentrazioni medie orarie, campi di deposizioni al suolo.

Parole chiave: Aria-Clima, Modellistica, Dinamica inquinanti, Meteorologia

 

Distributore

FiatLux Publications
P.O. Box 7776
94537 - -7776 Fremont California (USA)
tel. 15104941185 - fax 15104941185
e-mail FiatLuxPub@aol.com
persona di riferimento Paolo Zannetti

 

Autori

Canepa, Georgieva, Zannetti, Ratto
Università di Genova - Dip. di Fisica
Via Dodecaneso 33, 16146 - Genova

 

 

Estratto dal CD-ROM "Software&Ambiente" distribuito dalla Fondazione Lombardia per l'Ambiente, Foro Bonaparte, 12. 20121 Milano - www.flanet.org