datididatticamisure in tempo realemodellinotizie   Home
 

Scheda modello

SPRAY

(ver. 1.0 - 1996)

SPRAY è in grado di ricostruire campi di concentrazione di sostanze aeriformi su terreno complesso determinati da emissioni calde o neutre, con geometria puntiforme, lineare, areale o volumetrica. L'inquinante viene simulato da "particelle virtuali" il cui moto medio è definito dal vento locale e la cui dispersione è ottenuta da velocità casuali, soluzioni di equazioni differenziali stocastiche che riproducono la turbolenza atmosferica. In questo modo, differenti parti del pennacchio emesso possono vedere differenti condizioni atmosferiche, permettendo simulazioni più realistiche in condizioni difficili da riprodurre con modelli tradizionali (calma di vento, inversione di temperatura con la quota, impatto su orografia, presenza di discontinuità terra-mare o città-campagna).
Il package comprende: un programma principale in linguaggio Fortran contenente i dimensionamenti del problema in studio, una libreria di subroutines in codice oggetto e un tool di sviluppo per realizzare le modifiche del programma principale. Il codice, a partire dai dati di emissione, dalle caratteristiche del tipo di suolo (land-use) e da campi tridimensionali di vento, consente di definire i campi di turbolenza su tutto il dominio e disperdere le particelle da cui si ottengono i campi tridimensionali di concentrazione a tempi prestabiliti dall'utente.
SPRAY utilizza campi di vento ottenuti da un codice tridimensionale esterno al package: il requisito fisico minimo per una corretta riproduzione del fenomeno dispersivo è che il campo di moto rispetti la conservazione della massa. Il codice è stato sottoposto a validazioni in diverse situazioni e i risultati sono riportati in pubblicazioni su riviste internazionali. Può essere utilizzato sia per studi di episodi di inquinamento in situazioni complesse che all'interno di nodi di controllo in tempo reale dell'impatto atmosferico di più sorgenti inquinanti.

Dati in ingresso:

  • Parametri di emissione: posizione, dimensione e caratteristiche geometriche delle sorgenti di inquinanti, quantità e specie emesse, tempistica. Matrici di orografia, land-use e campi tridimensionali di vento a tempi diversi.
  • Serie storiche di dati meteorologici locali: temperatura dell'aria, irraggiamento solare, pressione atmosferica, radiazione solare netta, flusso di calore nel terreno, copertura nuvolosa; tranne la temperatura, tutti gli altri dati sono opzionali ed eventualmente ricostruiti dal modello, assumendo condizioni standard di cielo limpido.
  • Parametri di controllo della simulazione quali: durata, coordinate geografiche di riferimento del dominio, condizioni iniziali ed al contorno, schemi di calcolo da utilizzare per la ricostruzione della turbolenza atmosferica.

Dati in uscita:

  • File di coordinate, massa ed età delle particelle a tempi prestabiliti dall'utente.
  • Matrici tridimensionali di concentrazioni ad istanti, tempi di media e grigliato stabiliti dall'utente.
  • File riassuntivo della simulazione effettuata.

Parole chiave: Aria-Clima, Meteorologia, Modellistica, Inquinamento, V.I.A., Qualità dell'ambiente

 

Distributore

PICOdata s.r.l.
Via Alserio, 22
20159 - MILANO
tel. 02/6887823 - fax 02/6686221
e-mail tinarelli@cram.enel.it
persona di riferimento Massimo BIDER

 

Autori

Bider M. - PICOdata s.r.l., Via Alserio 22, 20159 - MILANO
Tinarelli G., Brusasca G. et al. - ENEL/CRAM s.p.a., Via Rubattino 54, 20134 - MILANO

 

 

Estratto dal CD-ROM "Software&Ambiente" distribuito dalla Fondazione Lombardia per l'Ambiente, Foro Bonaparte, 12. 20121 Milano - www.flanet.org